La bilancia tradizionale: 72 kg di grasso o di muscoli?

La bilancia per molti è come lo specchio della matrigna di Biancaneve: temuta.

“Bilancia Bilancia delle mie brame, dimmi chi è più in forma in tutto il reame?”

Bilancia vuoi sapere.jpg

A meno che non si sia in possesso di una di quelle bilance moderne che stimano, approssimativamente, la composizione corporea, difficilmente sarà la bilancia a rispondere alla nostra domanda e dirci se siamo, o meno, in forma o in salute.

Uno specchio, se non si è affetti da dismorfofobia ( molto diffusa tra le donne e ora anche tra molti uomini), solitamente può essere più veritiero di una bilancia per quanto riguarda le nostre forme corporee, anche se non ci dirà  nulla sul nostro stato di salute.

difference-between-men-and-women-weight-loss.jpg


Che cosa può dire una bilancia?

Una normale bilancia ci da' una misura di quanto la forza gravitazionale ci faccia stare con i piedi a terra: pesa i nostri chili.

Tutti sappiamo che il nostro corpo non è fatto di chili eppure questi chili, per molti, sono la misura di tutto.

Ci sono persone che si pesano ogni giorno e quando vedono l’oscillazione di un chilo vengono prese dal panico: vi dico subito che, a meno che non si siano introdotte più di 7000 kcal in una giornata, è difficile che in un solo giorno siate ingrassati di 1kg.


Che cosa sono i kg che costituiscono il nostro peso? Valutazione della composizione corporea.

Per avere una migliore idea del nostro stato di salute il peso non è sufficiente, una visita medica sicuramente lo sarà di più.

Salendo su una normale bilancia non potremo sapere quanto grasso, quanti muscoli o acqua ci sono nel nostro corpo. 

Per poter strutturare una dieta adeguata e capire se siamo o meno normopeso, è necessario stimare con quanta più precisione possibile la nostra composizione corporea: massa grassa, massa magra ed acqua corporea totale, acqua intracellulare ed extracellulare.

La valutazione della nostra composizione corporea (% massa grassa, %massa magra ed acqua corporea) è eseguita normalmente dal dietologo, nutrizionista o dietista, presso il proprio studio, con metodiche e strumenti differenti: plicometria, impedenziometria e Dexa (quest’ultima è disponibile solo in alcuni ospedali).


Che cosa possiamo fare a casa?

Potremmo misurare il BMI (o IMC  Indice di Massa Corporea), ovvero il rapporto tra il nostro peso e la nostra altezza al quadrato, ma le indicazioni in nostro possesso saranno poche ugualmente [per chi volesse calcolarlo rapidamente http://www.obesita.org/index.php?option=com_wrapper&Itemid=236 ].

Il BMI è un parametro che ci permette una prima valutazione: capire se nell'ambito della popolazione generale, statisticamente, rientriamo o meno in una situazione di normopeso, ma non è un parametro che consente di valutare la situazione del singolo.

Il BMI è molto utilizzato perché è un parametro facile da ottenere, ma non ci dirà mai quanto grasso o quanti muscoli abbiamo. Utilizzando il BMI si possono avere situazioni paradossali estreme e tali per cui un body builder, ad esempio, risulterà sovrappeso anche se grasso non ne ha, e un sedentario potrebbe risultare normopeso quando in realtà è tecnicamente obeso (alta percentuale di grasso corporeo). 

Con il BMI non possiamo valutare la distribuzione del nostro grasso corporeo: il grasso viscerale, quello posto sull’addome (forma "a mela"), comporta molti più rischi per la salute, a parità di peso e altezza, di quello sottocutaneo uniformemente distribuito o quello posto sui fianchi (tipico della conformazione "a pera" di molte donne).

Formule più accurate, quali quella di Wilmore e Behnkle, consentono una stima migliore della percentuale di massa grassa, perché tengono conto della distribuzione del grasso corporeo  (http://www.benessere360.com/massa-grassa.html )

Se al posto del fai da te e delle diete improvvisate preferite una valutazione più accurata del vostro stato di salute, per elaborare un piano nutrizionale personalizzato rivolgetevi ad un professionista del settore: dietologo, biologo nutrizionista o dietista.

 

Potrebbe interessarti anche...

Collegamenti

Resistenza insulinica. Perché non dimagrisco?

Pubblicato il 20-10-2015 da...

20160622_184213.jpg

Elena Monica Flati
Biologo Nutrizionista e Farmacista.

Condividi questo articolo nel tuo social network preferito!

Sito consigliato: NutrizioneNaturale.org - alimentazione come principale medicina