Zucchina

                                             images.jpeg                     

Le zucchine contengono solo 17 calorie ogni 100 gr di prodotto. Non contengono grassi saturi né colesterolo. La loro buccia è una buona fonte di fibre e aiuta a ridurre la costipazione e la regolarità intestinale: per questo motivo offrono una certa protezione nei confronti del cancro al colon.

Hanno buone proprietà come antiossidanti, specialmente le varietà dalla buccia gialla, poiché la buccia è ricca di flavonoidi poli-fenolici come il carotene e la luteina. Questi composti aiutano a contrastare i radicali liberi delle specie ossigenate, proteggendo il corpo da numerosi processi patologici.

Le zucchine, inoltre, contengono una quantità considerevole di folati, pari al 6% della RDA (dose giornaliera raccomandata) per ogni 100 gr. I folati giocano un ruolo importante nella divisione cellulare e nella sintesi del DNA. Assumere quantità adeguate di folati in gravidanza aiuta a prevenire i difetti del tubo neurale nel feto. (per saperne di più)

Le zucchine sono una buona fonte di Potassio, un importante elettrolita intracellulare. Il Potassio è un elettrolita amico del cuore ed aiuta ad abbassare la pressione sanguigna e i battiti cardiaci contrastando gli effetti del Sodio sulla pressione sanguigna.

 Infine, le zucchine contengono moderati livelli di vitamine del gruppo B (tiamina, piridoxina e riboflavina) e di minerali (ferro, manganese, fosforo e zinco).

vedi anche...
IMG_8699.jpg
Una frittata senza uovo e senza colesterolo... esiste? Sì. Ed è buona? Buonissima. Questa ricetta tutta vegan, senza glutine e senza lattosio, oltre ad essere buonissima è semplice da preparare quanto la frittata tradizionale. Vi proponiamo questa versione dalle note agrodolci, con le zucchine e la mentuccia fresca.     leggi di più...


Pubblicato il 25-02-2017 da...

DSC_0566.jpg
Simona Pepe
Pharmacist Manager e Nutritional Therapist

Condividi questo articolo nel tuo social network preferito!

Sito consigliato: NutrizioneNaturale.org - alimentazione come principale medicina