Betonica

Betonica OfficinalisL. o Stachys Officinalis L.
betonica

A) Parte della pianta in fiore 
1) Bocciolo 
2) Fiore 
3) Sezione verticale del fiore 
4) Stami 
5) Acheni 
6) Acheni 
7) Singolo achenio

Famiglia:
Labiate
Nomi Alternativi :
Colore Foglia:
Verde
Colore Frutto:
Habitat:Si trova in tutta la zona mediterranea e in quella montana fino a 1500 m.

Storia e leggenda

Gli antichi Egizi le attribuivano virtù magiche ed era apprezzatissima dai Romani e dai Greci, che la reputavano capace di curare una cinquantina di malattie. 
 

Descrizione 

È una pianta erbacea, perenne, a caule ascendente o eretto, glabro o tomentoso, semplice o anche ramoso. 

Le foglie superiori sono verdi, più pallide quelle inferiori, crenulate e più o meno villose, sono oblunghe e lungamente picciolate, mentre le superiori sono più strette e con picciolo breve. 

I fiori sono sessili, riuniti in glomeruli situati all’ascella delle brattèe. 

Calice persistente, tuboloso, campanulato e leggermente bilabiato. 

La corolla è porporina o, raramente, bianca. 

Il frutto è di tre acheni liberi, oblunghi, a estremità inferiore arrotondata. 
 

Parti usate 

Se ne usano le foglie e le sommità fiorite, raccolte da giugno ad agosto; e anche le radici. 
 

Principali costituenti 

Contiene due o tre alcaloidi eterociclici (betonicina, turicina, stachidrina), olio etereo, colina, betaina.  
 

Proprietà

È espettorante, aperitivo, stomachico, purgativo e febbrifugo; è utilizzabile anche come vulnerario, antiputrido e topico.