Borragine

Borrago Officinalis L.
borragine

A,B) Pianta in fiore

1) Parte del fiore in sezione verticale

2) Faccia esterna dello stame

3) Faccia laterale dello stame

4) Stame dall’interno

5) Frutti

6) Setole

Famiglia:
Borraginacee
Nomi Alternativi :
Colore Foglia:
Verde
Colore Frutto:
Habitat:Nei luoghi coltivati, nelle siepi, nei ruderi, dal mare al piano submontano di tutt’Italia. Fiorisce dalla primavera all’autunno.

Storia e leggenda

Questa pianta è originaria della Siria. Alcune popolazioni dell’Europa centrale la chiamano “pianta del buonumore” per le insolite proprietà di combattere le depressioni, gli stati d’angoscia e di abbattimento, dovute alla sua azione depurativa e diuretica.


 

Descrizione

È una pianta erbacea annua, alta 30-40 cm, ispida in tutte le sue parti per la presenza di setole pungenti e bianche.

La radice è a forma di fuso. 

Il caule è eretto, ramoso in alto, con rami brevi. 

Le foglie radicali sono picciolate, con lembo ovale, quelle sul culmo sono alterne, diminuiscono per dimensioni a mano a mano che si procede dal basso verso l’alto. 

I fiori, abbastanza numerosi, sono picciolati, inclinati e raccolti in grappoli terminali. 

I frutti sono acheni liberi, bislunghi, turgidi, verrucosi e circondati da orlo rialzato.

 

Parti usate

Si utilizzano le foglie, i fiori e gli steli freschi.


 

Principali costituenti

Mucillagini nei fiori; nitrato di potassio.


 

Proprietà

Per l’alto contenuto in sali di potassio ha azione depurativa; favorisce l’eliminazione di urine (diuretico) e delle scorie attraverso la sudorazione (sudorifero); è anche emolliente e lassativo.