Godelicious - Portale di informazione nutrizionaleGodelicious, il Network di chi vuole vivere bene
alimenti logo

Cherimoya

La Cherimoya (Annona cherimola) è un frutto verde a forma di mora con buccia squamosa e polpa cremosa e dolce. Probabilmente originario delle Ande del Sud America, cresce in aree tropicali ad alta quota. Grazie alla sua morbida consistenza, la Cherimoya è anche conosciuta con il nome di "Custard Apple" (crema di mele). Viene spesso mangiata con il cucchiaio e servita fredda come una crema pasticcera. La Cherimoya ha un sapore dolce simile ad altri frutti tropicali, come banana e ananas. Ricco di fibre, vitamine e minerali, questo frutto unico può aumentare l'immunità, combattere l'infiammazione e promuovere la salute degli occhi e del cuore. Tuttavia, alcune parti di essa contengono tossine che possono danneggiare il sistema nervoso se consumate in quantità elevate. 

cherimoya 2

1. Alto contenuto di antiossidanti

La Cherimoya è ricca di antiossidanti, che combattono i radicali liberi nel corpo, che ad alti livelli possono causare stress ossidativo, associato a malattie croniche, tra cui il cancro e le malattie cardiache. 

Alcuni composti nella Cherimoya - tra cui acido kaurenoico, flavonoidi, carotenoidi e vitamina C - hanno potenti effetti antiossidanti. 

kaurenoic acid 3

Uno studio in provetta ha dimostrato che sia la buccia che la polpa sono eccellenti fonti di antiossidanti, con composti della buccia particolarmente efficaci nel prevenire danni ossidativi in quanto particolarmente potenti. 

2.Può migliorare il tuo umore

La Cherimoya è un'ottima fonte di vitamina B6 (piridossina), infatti, circa 150 grammi di frutta contengono oltre il 30% dell'assunzione giornaliera di riferimento (RDI). 

La vitamina B6 svolge un ruolo importante nella creazione di neurotrasmettitori, tra cui serotonina e dopamina, che aiutano a regolare l'umore quindi, livelli inadeguati di questa vitamina possono contribuire ad intensificare i disturbi dell'umore. Infatti, bassi livelli ematici di vitamina B6 sono collegati alla depressione, specialmente negli anziani quindi, aumentando i livelli di questa vitamina, la Cherimoya può aiutare a ridurre il rischio di depressione correlato alla sua carenza.

3. Può essere benefico per la salute degli occhi

La Cherimoya è ricca di luteina, un antiossidante carotenoide presente negli occhi, con lo scopo di mantenere una visione sana combattendo i radicali liberi. Molti studi associano un'elevata assunzione di luteina a una buona salute degli occhi e un minor rischio di degenerazione maculare legata all'età (AMD), una condizione caratterizzata da danni agli occhi e perdita della vista. La luteina può proteggere dalla cataratta, un annebbiamento dell'occhio che a lungo andare può portare alla perdita della vista. Una revisione di 8 studi ha sottolineato che le persone con i più alti livelli ematici di luteina avevano un rischio inferiore del 27% di sviluppare cataratta, rispetto a quelle con i livelli più bassi, pertanto, il consumo di cibi ricchi di luteina - come la Cherimoya - può migliorare la salute degli occhi e combattere condizioni come AMD e cataratta.

4. Può prevenire la pressione alta

La Cherimoya è ricca di sostanze nutritive che aiutano a regolare la pressione sanguigna, come potassio e magnesio (in particolare, circa 150 grammi di frutta vantano il 10% della RDI per il potassio e oltre il 6% della RDI per il magnesio). 

Sia il potassio che il magnesio favoriscono la dilatazione dei vasi sanguigni aiutando a ridurre la pressione e contribuendo, così, a prevenire il rischio di contrarre malattie cardiache ed ictus. In uno studio è stato osservato che il consumo di RDI per potassio (4.700 mg al giorno) può ridurre la pressione sistolica e diastolica di circa 8 e 4 mm Hg, rispettivamente. 

5. Può favorire una buona digestione

150 grammi circa di Cherimoya offrono quasi 5 grammi di fibre alimentari, che rappresentano oltre il 17% della RDI. Poiché le fibre non possono essere digerite o assorbite, aggiungono volume alle feci e aiutano a spostarle attraverso l'intestino. Inoltre, le fibre solubili - come quelle presenti nella Cherimoya - possono nutrire i batteri buoni nell'intestino dove vengono fermentati per produrre acidi grassi a catena corta (SCFA) ovvero il butirrato, l’acetato e il propionato. 

Gli SCFA sono una fonte energetica per il corpo e possono proteggere dalle infiammazioni che colpiscono il tratto digestivo, come la malattia di Crohn e la colite ulcerosa. Supportando i movimenti intestinali sani e nutrendo i batteri intestinali, la Cherimoya e altri alimenti ricchi di fibre possono quindi promuovere una salute digestiva ottimale.

6. Può avere proprietà antitumorali

Alcuni flavonoidi, come la catechina, l’epicatechina e l’epigallocatechina presenti nella Cherimoya possono aiutare a combattere il cancro, avendo dimostrato gli studi in provetta che essi sono in grado di fermare la crescita delle cellule tumorali.

In uno studio del 2001, il trattamento delle cellule tumorali della vescica con epicatechina ha portato a una crescita e replicazione delle cellule significativamente inferiore rispetto alle cellule che non hanno ricevuto questo flavonoide. 

In un altro studio in provetta, è stato osservato che alcune catechine, comprese quelle nella Cherimoya, hanno fermato fino al 100% della crescita delle cellule del cancro al seno.

Inoltre, gli studi sulla popolazione suggeriscono che le persone che consumano una dieta ricca di flavonoidi hanno un rischio inferiore di sviluppare alcuni tumori, come quelli dello stomaco e del colon, rispetto a coloro le cui diete sono povere di questi composti. Sono necessari tuttavia, ulteriori studi sull'uomo per comprendere appieno come i composti Cherimoya influenzino il cancro.

7. Può combattere l'infiammazione

L'infiammazione cronica è collegata a molte malattie pericolose, come le malattie cardiache e il cancro. In particolare, la Cherimoya fornisce numerosi composti anti-infiammatori, incluso l'acido kaurenoico. 

Questo acido ha forti effetti antinfiammatori e ha dimostrato negli studi in vivo su animali da laboratorio di ridurre alcune proteine ​​infiammatorie.

In uno studio è stato osservato che i topi nutriti con una dieta arricchita di epicatechina possedevano un ridotto livello ematico della proteina reattiva C (CRP) del marcatore infiammatorio, rispetto a un gruppo di controllo. Alti livelli di CRP sono associati all'aterosclerosi, un indurimento e restringimento delle arterie che aumenta significativamente il rischio di malattie cardiache.

8. Può aumentare la risposta immunitaria

Come altri frutti tropicali, la Cherimoya è ricca di vitamina C, famosa per le sue capacità di aumentare l'immunità combattendo le infezioni e le malattie. La carenza di vitamina C è legata ad una ridotta immunità e ad un aumentato rischio di infezioni e studi sull'uomo rivelano la sua capacità di ridurre la durata del raffreddore comune.

Il consumo di Cherimoya e altri alimenti ricchi di vitamina C è un modo semplice per garantire un'adeguata salute immunitaria.

Effetti collaterali della Cherimoya

Sebbene la Cherimoya offra notevoli benefici per la salute, contiene piccole quantità di composti tossici, essa e altri frutti nelle specie di Annona contengono annonacina, una tossina che può colpire il cervello e il sistema nervoso. 

annonacina 1

In effetti, gli studi osservazionali nelle aree tropicali collegano l'elevato consumo di frutti di Annona a un aumentato rischio di un tipo specifico di malattia di Parkinson che non risponde ai farmaci comuni. 

Tutte le parti della pianta di Cherimoya possono contenere annonacina, ma essa è più concentrata nei semi e nella buccia. 

Per godere di questo frutto e limitare l’esposizione al composto tossico, bisogna rimuovere i semi e la buccia prima di mangiarlo. 

Se però si è affetti dal morbo di Parkinson o da un'altra condizione del sistema nervoso, potrebbe essere meglio evitare del tutto questo frutto.

Come mangiare la Cherimoya

La Cherimoya può essere trovata in molti negozi di alimenti biologici. Dovrebbe essere conservata a temperatura ambiente fino a quando non è morbida, e poi in frigorifero per un massimo di tre giorni. Prima di mangiarla, rimuovere buccia e semi, quindi tagliare a pezzi la frutta. 

La Cherimoya ha un sapore delizioso nell'insalata di frutta, mescolata a yogurt, cereali o miscelata in frullati o condimenti per insalata. Si può anche mangiare fredda come una crema pasticcera tagliando a metà il frutto e raccogliendo la polpa con un cucchiaio.

Clicca per vedere i riferimenti...

https://ndb.nal.usda.gov/ndb/search/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/12925310/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16373990/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16633129/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16763894/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16908818/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18607145/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18816693/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18838531/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19729851/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/21403995/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22080234/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22130466/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22425757/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22574649/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22607578/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23201840/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23440782/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23571649/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/236750738/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23830380/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24529136/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26408387/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26433307/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26447482/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27283704/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27650133/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29099763/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29555072/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29885291/

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30018772/

https://www.biostilogit.it/annona-muricata/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2959212/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3253804/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3257133/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3492709/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3614039/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3614697/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3916871/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4258672/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4321000/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4579563/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4772032/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4845003/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5390821/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5420140/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5598200/

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6019487/

https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0889157511001967

https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0963996910004138

https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/B9780123746283000396

Pubblicato il 03-07-2020 da:

simona pepe
Simona Pepe
MR Locum Pharmacist, MSc, Nutritional Therapist

Condividi sui tuoi Networks preferiti!