Fagiolo e fagiolino

Phaseolus Vulgaris L.
fagiolo fagiolino

A) Ramo in fiore

1) Fiore a cui sono stati asportati il vessillo e un petalo laterale

2) Seme

3) Seme in sezione verticale

4) Embrione

Famiglia:
Papilionacee (Leguminose)
Nomi Alternativi :
Colore Foglia:
Verde
Colore Frutto:
Habitat:È largamente coltivato in tutt’Italia per la produzione di semi e di legumi.

Storia e leggenda

Il fagiolo fu scoperto e importato in Europa dai Conquistadores spagnoli, e nelle nostre terre si acclimatò e fu coltivato dal XVI secolo. Originario del Messico e dell’America centrale era, con il mais, il cibo più consumato dagli abitanti del Nuovo Mondo. Oggi conosciamo molte varietà di fagiolo, sia da consumare come legume secco, per i semi, sia da consumare fresco, con tutto il baccello, come i fagiolini.

La soia poi è un tipo di fagiolo originario dell’Oriente, ottimo per le sue qualità dietetiche.


 

Descrizione

È una pianta annuale, provvista di una radice non molto sviluppata, sulla quale crescono più o meno fittamente i tubercoli radicali, delle protuberanze tondeggianti in cui si trovano batteri che vivono in simbiosi con tutte le Leguminose (scambio vantaggioso per tutti e due i “commensali”, la pianta e i batteri, di sostane nutritizie che da soli non saprebbero sintetizzare).

Il fusto, incapace di sorreggersi autonomamente, si avvolge ai sostegni, e può raggiungere in altezza anche i 2 metri.

Le foglie sono composte da 3 foglioline, con quella centrale più grande delle due laterali, hanno margine intero e un breve picciolo.

I fiori sono raccolti in infiorescenze a racemo, opposte alle foglie, hanno un calice tubolare, i petali sono cinque e assumono la forma tipica della famiglia: quello superiore è lo stendardo, i due laterali si chiamano ali, gli ultimi due, saldati tra loro da un lato, formano la carena; sono di colore bianco o lilla.

Il frutto è un baccello, che a maturità si apre longitudinalmente per due valve e lascia cadere i semi; muta per colore e dimensione a seconda della varietà.


 

Parti usate

I semi e i baccelli.


 

Principali costituenti

Il fagiolo contiene proteine, fosforo, potassio, ferro, calcio, vitamine B e C.

Il fagiolino contiene vitamine A, B e C, inosite soprattutto nei fili, elementi minerali come fosforo, silice, calcio, clorofilla, carboidrati, nickel, rame, cobalto.


 

Proprietà

Il fagiolo è nutritivo, energetico, ricostituente e riequilibratore del sistema nervoso; bisogna mangiare i semi con la buccia, che è ricca di fermenti. I baccelli del fagiolo vengono usati in terapia contro l’albuminuria, il diabete e l’insufficienza epatica.

Il fagiolino è ricostituente, stimolante del sistema nervoso, ha proprietà diuretiche e depurative, è antinfettivo e un buon tonico per il fegato e il pancreas.