Godelicious - Portale di informazione nutrizionaleGodelicious, il Network di chi vuole vivere bene
logo godelicious

La Nutraceutica della Capsaicina

I Peperoncini di Cayenna appartengono alla famiglia della belladonna e sono strettamente correlati a peperoni, jalapeños e paprika.

Originariamente erano coltivati solo ​​in America centrale e meridionale, ma furono importati in Europa nel XV secolo da Cristoforo Colombo. I peperoncini di Cayenna sono una spezia popolare usata in molteplici stili di cucina regionali e sono stati utilizzati in medicina per migliaia di anni.

Questi peperoncini vantano un profilo nutrizionale impressionante, che include una gran varietà di antiossidanti benefici per la salute.

Un cucchiaio (5 grammi) di peperoncino di Cayenna contiene quanto segue:

Calorie17
Grassi1 gr
Carboidrati3 gr (di cui 1.4 gr di fibre)
Proteine0.6 gr
Vitamina A44% RDA
Vitamina E8%  RDA
Vitamina C7% RDA
Vitamina B66% RDA
Vitamina K5% RDA
Manganese5% RDA
Potassio3% RDA
Riboflavina3% RDA

 

fig 2

 

Il principio attivo dei peperoncini di Cayenna è la Capsaicina, che conferisce loro le proprietà medicinali e il gusto piccante. Infatti il grado di “piccantezza” dei peperoncini dipende proprio dalla quantità di Capsaicina in essi contenuta.

fig3 capsaicina

 

Vediamo insieme le proprietà metaboliche più importanti della Capsaicina.

Può accelerare il metabolismo

La Capsaicina, nei peperoncini di Cayenna, ha l’utile proprietà di accelerare il metabolismo aumentando la quantità di calore prodotta dal corpo e promuovendo il consumo calorico: questo processo viene definito termogenesi.

In uno studio è stato riportato che i soggetti a cui sono stati somministrati la Capsaicina e un “olio di trigliceridi a catena media” hanno bruciato il 51% di calorie in più, rispetto a coloro che non ne avevano assunto ai pasti. Purtroppo, però, l’effetto complessivo riscontrato è minimo.

In un altro studio, coloro che avevano assunto 1 grammo di peperoncino di Caienna rosso in quattro ore e mezza hanno bruciato solo 10 calorie in più rispetto a quelli che non ne avevano mangiato.

È anche importante dire che, nel tempo, il corpo si assuefà a questo tipo di stimolo metabolico fino ad annullarne del tutto gli effetti.

Potrebbe ridurre la fame

Sapete che i peperoncini di Cayenna possono ridurre la fame? Questo effetto si verifica perché ci sentiamo sazi per un tempo più lungo, assumendo di conseguenza un minor numero di calorie durante la giornata. Questo effetto è stato riportato da numerosi studi.

Purtroppo non si è appreso completamente come questo meccanismo avvenga, ma in uno studio è stato dimostrato che questo fenomeno si verifica in seguito ad una diminuzione della Grelina (l’ormone della fame).

Può abbassare la pressione sanguigna

Studi sugli animali hanno dimostrato che la Capsaicina contenuta nei peperoncini di Cayenna può ridurre, se consumata a lungo termine, l’ipertensione. È da sottolineare, però, che gli studi sono stati condotti tutti su topi e suini e che gli effetti sugli umani potrebbero essere diversi.

Può aiutare la digestione

Le spezie e i loro componenti attivi possono offrire molti benefici alla digestione e la Capsaicina ne è un esempio, in quanto rafforza le difese dello stomaco contro le infezioni aumentando la produzione dei succhi gastrici e promuovendo la sintesi degli enzimi che favoriscono la digestione, attraverso la stimolazione dei nervi presenti sulla parete interna dello stomaco. Anche se molti erroneamente credono che i peperoncini possano causare ulcere allo stomaco, in realtà è vero l’esatto contrario.

fig 4

Allevia il dolore

La Capsaicina ha potenti proprietà antidolorifiche quando applicata direttamente sulla pelle sotto forma di crema. Essa agisce riducendo la quantità di sostanza P, un ormone prodotto dall'organismo che viaggia verso il cervello per segnalare il dolore.

Quando la quantità prodotta di sostanza P è minore diminuiscono anche i segnali trasmessi al cervello e, quindi, la percezione del dolore stesso diventa minore.

La crema presente in commercio è spesso raccomandata per le seguenti condizioni:

  1. Dolori articolari e muscolari
  2. Mal di schiena lombare
  3. Dolore dopo un intervento chirurgico
  4. Dolore causato dall'herpes zoster

 

Importante: Non può essere applicata su ferite aperte.

Migliora la psoriasi

La psoriasi è un esempio di malattia autoimmune nella quale il corpo attacca sé stesso, e si manifesta sotto forma di chiazze di pelle rossa, pruriginosa e squamosa.

Sfortunatamente ad oggi non esiste una cura per la psoriasi, tuttavia le creme alla Capsaicina possono aiutare ad alleviare il prurito e migliorare l'aspetto delle aree affette, riducendone significativamente dimensioni e arrossamento.

Può ridurre il rischio di cancro

In studi su animali, la Capsaicina ha mostrato risultati promettenti nel ridurre il rischio di cancro (alla prostata, al pancreas e alla pelle) attaccando i diversi processi di crescita tumorale, cioè sia rallentando la crescita delle cellule tumorali che causandone la morte.

Rischi e precauzioni

La Capsaicina è generalmente sicura. Tuttavia, assumerne troppa tutta insieme può far male, soprattutto allo stomaco.

Nel caso in cui si assumano farmaci per l'ipertensione, come gli ACE-inibitori (Benazepril, Fosinopril, Lisinopril, Captopril, Enalapril, Ramipril e Quinapril), è bene consultare il medico prima di usare la crema, poiché potrebbe causare una tosse stizzosa e insistente come effetto collaterale.

Inoltre, se si assumono fluidificanti del sangue (Warfarin), si deve consultare il medico a causa dell’aumentato rischio di sanguinamento.

Clicca per vedere i riferimenti...

Pubblicato il 17-07-2020 da:

simona pepe
Simona Pepe
MR Locum Pharmacist, MSc, Nutritional Therapist

Condividi sui tuoi Networks preferiti!