Pungitopo

Ruscus Aculeatus L.
pungitopo
Famiglia:
Liliacee
Nomi Alternativi : Rusco@\@/@\@/@\@/@Brusco@\@/@\@/@\@/@Bruscolo@\@/@\@/@\@/@Punziratti
Colore Foglia:
Verde
Colore Frutto:
Rosso
Habitat:È diffuso su quasi tutta l’Italia, nelle zone mediterranee, raramente quelle submontane; predilige i luoghi secchi, calcarei e magri, ma temono il gelo, fino a 700 m.

Storia e leggenda

Già nell’antichità il botanico e medico greco Dioscoride ne conosceva l’utilità delle foglie e del rizoma, usate in seguito anche da medici e fisioterapisti come diuretico e febbrifugo.


 

Descrizione

È un arbusto sempreverde.

Il rizoma è obliquo, strisciante, bianco-grigiastro, nodoso, dotato di radici brunastre.

Il fusto è verde, eretto, glabro, striato, ramificato.

Le false foglie spinose sono chiamate cladodi, che sono di colore verde cupo, coriacei, alterni, sessili, ovali, e terminano con una spina.

I fiori sono violacei o verdastri, piccoli, possono essere da 1 a 2 e si inseriscono all’ascella di una piccola brattea pergamenacea in mezzo ai cladodi; sono dioici, con 3 sepali e 3 petali liberi e persistenti; i fiori maschili hanno 3 stami, quelli femminili hanno 1 ovario a 3 logge. Fiorisce da settembre ad aprile.

Il frutto è una bacca rotonda, rossa, e contengono 1 o 2 semi gialli e grandi.


 

Parti usate

Il rizoma, la radice e le foglie.


 

Principali costituenti

Olio essenziale, resina, saponine, calcio, potassio.


 

Proprietà

Aperitive, diuretiche, febbrifughe, vaso-protettrici.


 

Curiosità

I cladodi non sono vere e proprie foglie, ma porzioni di ramo appiattite, che svolgono la funzione foliare.