Godelicious - Portale di informazione nutrizionaleGodelicious, il Network di chi vuole vivere bene
logo godelicious

Si può fare affidamento sugli integratori per il trattamento o la prevenzione da COVID-19?

  • I medici avvertono che fare affidamento sugli integratori - e prenderne troppi - può fare più male che bene.
  • Molte vitamine e minerali possono influenzare l'immunità generale, ma nessuno può influenzare un'immunità specifica.
  • Vuoi cominciare ad assumere un nuovo integratore? Parlane prima con il tuo medico.

Gli esperti continuano a incoraggiare le persone a mangiare bene e ad allenarsi durante la pandemia di COVID-19. Nel frattempo sono anche emersi dei rapporti che affermano che gli integratori possono prevenire o curare il COVID-19: ma possono questi essere considerati attendibili?

I medici avvertono che fare affidamento sugli integratori, e prenderne troppi, può fare più male che bene. Tuttavia, vitamina C e D, probiotici e zinco continuano a volare dagli scaffali dei negozi.

Esiste davvero un ruolo che gli integratori possono svolgere sulla nostra salute mentre il virus continua a diffondersi?

Vitamine e minerali: troppo è pericoloso

Come detto, molte vitamine e minerali possono influenzare l'immunità generale, ma nessuno di questi può influenzare un'immunità specifica.

Invece di assumere integratori aggiuntivi, concentrati su altri aspetti nel supporto del sistema immunitario, come l’esercizio fisico, l’idratazione, un sonno sufficientemente lungo e  mangiare frutta e verdura in abbondanza. 

Esistono diversi integratori relativamente sicuri, ma essi non sostituiscono le misure di sanità pubblica.

Alcuni rapporti hanno affermato che lo zinco può avere effetti antivirali e che la vitamina C può aiutare con la sindrome respiratoria associata a grave infezione da COVID-19, ma tale affermazione è purtroppo aneddotica e, per quanto riguarda le persone che assumono molte vitamine e minerali "sicuri", gli esperti avvertono che non dovrebbero farlo.

Se si è veramente carenti di un nutriente, assumerne una quantità accertata e definita “sicura” può aiutare a sostenere il sistema immunitario, ma l'idea che “più” sia “meglio” non solo è sbagliata, ma può risultare anche pericolosa.

Altri integratori (che non sono vitamine o minerali, ma che si dice siano dei booster immunitari) presentano rischi simili. 

Non c'è nulla di definitivo, ma poiché non ci sono dati validi a supporto, attualmente sarebbe il caso di evitarli.

Alcune prove hanno dimostrato che l'echinacea può fornire un supporto durante il comune raffreddore, ma dobbiamo ricordare che COVID-19 non è il raffreddore comune e, ripetiamo, se le persone non hanno una buona ragione per usare un integratore, dovrebbero, in generale, evitarlo.

Quindi…

 

Vuoi cominciare a prendere un nuovo integratore? 

  • Parlane con il medico.
  • Fai attenzione alle interazioni con i medicinali prescritti e ricorda che "naturale" non significa “privo di rischi”.

 

Sfortunatamente, non esiste un proiettile magico per prevenire il COVID-19 con dieta o integratori.

Pubblicato il 27-04-2020 da:

simona pepe
Simona Pepe
MR Locum Pharmacist, MSc, Nutritional Therapist

Condividi sui tuoi Networks preferiti!