Godelicious - Portale di informazione nutrizionaleGodelicious, il Network di chi vuole vivere bene
logo godelicious

Stevia e xilitolo: dolcificanti a confronto

Che cos’è la Stevia?

 

La stevia deriva dalla Stevia Rebaudiana, una pianta originaria del Sud America, usata per secoli per addolcire il tè e rendere più facile l'assunzione di medicine.

Il tipo che si trova nei negozi deve peró subire molte alterazioni prima di essere dichiarato idoneo alla vendita.

 

La stevia è centinaia di volte più dolce dello zucchero ed è praticamente priva di calorie. La differenza tra lo zucchero da cucina e la stevia è ancora più evidente quando vengono usati in cottura: la stevia perde dolcezza e la cottura esalta il suo aroma naturale di liquirizia.

Può essere acquistata con i nomi di “Stevia cruda”, “Dolcificante in foglie”, “Rebiana”, “Enliten” ed “Erylite Stevia”. 

È anche il principale dolcificante della Coca-Cola, con il nome di “Truvia”, e della Pepsi come “PureVia”.

 

Quali sono i benefici e gli effetti collaterali di Stevia?

 

Il principale vantaggio sia della stevia che dello xilitolo è quello di poter essere utilizzati come dolcificanti dai diabetici, considerando che questi debbono monitorare attentamente i livelli di zucchero e di insulina nel sangue.

Poiché non contengono zucchero, lo xilitolo e la stevia non richiedono che l'insulina sia processata in tutto il corpo.

 

Esistono anche alcuni studi che provano che la stevia ha proprietà ipoglicemizzanti naturali e può aiutare la secrezione di insulina nelle persone con diabete di tipo 2, agendo direttamente sulle cellule beta. 

Tuttavia, i ricercatori hanno sottolineato che la combinazione di stevia e farmaci atti a ridurre lo zucchero nel sangue potrebbe effettivamente avere effetti ipoglicemizzanti troppo marcati.

 

La Food and Drug Administration (FDA) statunitense non ha approvato la stevia grezza come additivo alimentare, esprimendo preoccupazione circa i suoi effetti sulla capacità del corpo di controllare i livelli di zucchero nel sangue, nonché possibili effetti avversi sui sistemi riproduttivo, renale e cardiovascolare.

Inoltre, alcuni studi sugli animali hanno riportato un collegamento fra elevate quantità di stevia e una ridotta fertilità e potenziali mutazioni genetiche nella prole. 

Tuttavia, la FDA ha approvato dolcificanti contenenti stevia per uso commerciale, a condizione che siano etichettati come integratori alimentari.

 

Dopo aver esaminato le prove scientifiche, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha stabilito che l'assunzione giornaliera di stevia può essere considerata accettabile fino a 4 mg per chilogrammo di peso corporeo di una persona. 

Ad esempio, un uomo che pesi 90 chilogrammi, può tranquillamente consumare 0,36 grammi di stevia al giorno.

 

Che cos'è lo Xilitolo?

 

Lo xilitolo è un alcool di zucchero presente in natura che viene utilizzato in gomme da masticare, caramelle e dentifrici. 

Viene inoltre venduto in concentrazioni abbastanza elevate in prodotti per la salute orale, in particolare in prodotti per la prevenzione della carie.

 

Lo xilitolo viene estratto da vari tipi di frutta e verdura, sebbene la produzione oggigiorno derivi principalmente da pannocchie di mais. 

Il suo “grado di dolcezza” è paragonabile a quello dello zucchero, ma contiene un terzo delle calorie, il che significa che, a differenza della stevia, il suo contenuto calorico non è pari a zero.

 

Quali sono i benefici e gli effetti collaterali di Xilitolo?

 

Come la stevia, lo xilitolo è considerato una buona opzione come dolcificante, anche se ha un piccolo effetto sui picchi glicemici nel sangue, poiché contiene alcuni carboidrati.

 

Alcune persone riferiscono di aver avuto problemi gastrointestinali durante il consumo di xilitolo. Di solito si tratta di diarrea, gonfiore addominale e gas. 

In genere, questi problemi si verificano a dosi di 100 grammi o più al giorno, motivo per cui il consenso generale è che 50 grammi al giorno o meno sono considerati ottimali.

 

Lo xilitolo, tuttavia, ha dimostrato di avere ulteriori benefici nel prevenire la carie. 

La “California Dental Association” sostiene che lo xilitolo previene la carie, riducendo le cavità e rafforzando anche lo smalto dei denti. Inoltre, lo xilitolo si è anche dimostrato efficace nel prevenire i batteri che causano le carie ed è considerato un potenziale protettore contro altre infezioni, come l'influenza comune.

 

Quindi, quale può essere considerato migliore? La Stevia o lo Xilitolo?

 

Nel complesso, entrambi i dolcificanti non hanno mostrato effetti negativi sulla salute a lungo termine.

 

Per vedere qual è il migliore per te, parla con il tuo medico. 

Soprattutto se stai già prendendo medicine per aiutarti a regolare la glicemia. 

 

 

Pubblicato il 16-02-2020 da:

simona pepe
Simona Pepe
MR Locum Pharmacist, MSc, Nutritional Therapist

Condividi sui tuoi Networks preferiti!