Godelicious - Portale di informazione nutrizionaleGodelicious, il Network di chi vuole vivere bene
logo godelicious

Vino e Mal di testa

Cause scatenanti

Ti trovi tranquillamente a cena o ti stai godendo un meritato bicchiere di vino quando, all’improvviso, ti scoppia il mal di testa!

Ecco, il resto della serata è praticamente rovinato.

Immancabilmente dai la colpa al vino che stai bevendo, nonostante non ci siano prove scientifiche a sufficienza per supportare questa correlazione. Oppure no? Vediamolo insieme.

Quale può essere la causa di questo tipo di mal di testa?

Fra tutte le bevande alcoliche, il vino ha la reputazione peggiore per quanto riguarda la causa scatenante del mal di testa. Le prime fitte di solito arrivano dopo un sorso o due ma non è raro che si presentino anche molte ore dopo. Verrebbe naturale individuare l’alcol come causa scatenante di questo dolore per la sua capacità di dilatare i vasi sanguigni nel cervello ma è più probabile invece che ci siano altri fattori coinvolti.

Purtroppo la maggior parte delle cause individuate ad oggi rimangono teorie e non ci sono chiare evidenze sul perché il vino faccia venire il mal di testa ad alcune persone e non ad altre. Ancora una volta la natura ci dimostra che siamo tutti diversi e ciò che vale per qualcuno non vale necessariamente per ognuno (e per fortuna).

Vediamo comunque queste teorie più in dettaglio.

Istamina

Molecole di istamina sono presenti nella buccia dell’uva e per questo motivo essere presenti anche nel vino. 

istamina

Una ipersensibilità all’istamina rende più suscettibili al mal di testa.

Ne consegue che, soggetti con una ipersensibilità all’istamina possono avere più facilmente un attacco di mal di testa dopo aver bevuto del vino.

Va comunque considerato che ci sono alimenti che contengono più istamina del vino come:

  • Formaggio stagionato
  • Melanzane, crauti, spinaci
  • Pesce
  • Salami freschi e stagionati

Clicca qui per saperne di più.

Tannini

Oltre che a molecole di istamina, nella buccia dell’uva sono presenti anche altre sostanza chimiche tra le quali i tannini che contribuiscono a dare al vino il suo sapore.

acido tannico

Nel nostro corpo, i tannini promuovono il rilascio di serotonina che ad alte concentrazioni in alcuni soggetti può provocare mal di testa.

I tannini sono presenti in maggior quantità nel vino rosso in confronto al bianco ed in una grande varietà di altri alimenti come il tè, il cioccolato fondente, le noci ed alcune bacche.

Vedi anche Le metilxantine.

Addirittura è stato dimostrato che i tannini provochino il mal di testa anche in coloro che assumono farmaci preventivi come il propranololo.

Solfiti

Spesso i solfiti, composti utilizzati come conservanti, sono stati additati come principale causa del mal di testa dopo aver bevuto del vino. Tuttavia, è più probabile che i solfiti diano problemi respiratori che non mal di testa.

Vedi anche Vino e Solfiti.

Comunque quantità di solfiti maggiori rispetto a quelle che si trovano nel vino possono essere rilevate in:

  • Frutta secca
  • Patatine in busta
  • Sottaceti
  • Uvetta secca
  • Salsa di soia

Mettiamo a confronto il vino con altre bevande alcoliche

Il vino è comunemente associato al mal di testa ma qualsiasi tipo di bevanda alcolica può provocare questo effetto collaterale.

Non esiste una bevanda alcolica ‘sicura’ e non è necessario essere particolarmente sensibili ad attacchi di mal di testa per essere colpiti.

I fattori scatenanti di un mal di testa sono estremamente soggettivi. Siamo unici e rispondiamo al mondo esterno (compresi i cibi che ingeriamo) in modo diverso ed unico (proprio come noi). In più possono essere molteplici come ad esempio:

  • Altri ingredienti presenti nella bevanda alcolica derivati dal processo di produzione oppure aggiunti.
  • Cibi che abbiamo ingerito prima, durante o dopo.
  • Bere a stomaco vuoto
  • Alti livelli di stress
  • Essere molto affaticati

Naturalmente, bere qualsiasi tipo di bevanda alcolica in eccesso può provocare un mal di testa simile a quello da

sbornia ma in questo caso il mal di testa è causato dalla quantità di alcol assunto più che dalla sua origine.

Come si cura un mal di testa da vino?

Appena si comincia ad avvertire il primo giramento di testa è bene smettere subito di bere e prendere qualche precauzione come:

  • Bere molta acqua.
  • Bere una bevanda contenente caffeina
  • Sdraiarsi in una stanza buia
  • Prendere un antidolorifico da banco (paracetamolo, ibuprofene o aspirina)

Antidolorifici da banco sono generalmente sicuri ma in alcuni casi può essere pericoloso mescolarli con l’alcol. Per esempio:

  • Quando si assume una dose di medicinale superiore alle dosi consigliate.
  • Se si hanno ulcere allo stomaco o altri tipi di problemi emorragici.
  • Se si assumono contemporaneamente altri fluidificanti del sangue.

Cosa si può fare per evitare un bel mal di testa?

Sei una di quelle persone a cui subito gira la testa dopo aver bevuto un po' di vino? Purtroppo la soluzione migliore potrebbe essere non bere affatto. Se però, il tuo malessere è sopportabile e se sei disposto a ‘rischiare’, potresti volere sperimentare diversi tipi di vini e vedere se ce ne sono alcuni tipi che non ti provochino malessere.

Scegli comunque vini di alta qualità e comincia con una piccola quantità finché non sei certo o certa che quel vino non ti provochi mal di testa.

Altre strategie da prendere in considerazione possono essere:

  • Evitare di bere vino se già non si ci sente bene
  • Evitare di bere a stomaco vuoto
  • Bere un intero bicchiere d’acqua prima di ogni bicchiere di vino
  • Aspettare almeno venti minuti fra un bicchiere di vino e l’altro
  • Assaporare il vino molto lentamente
  • Non mischiare diverse bevande alcoliche
  • Fermarsi al primo segno di sofferenza
  • Non esagerare mai

Quando si bevono alcolici, il consumo giornaliero raccomandato è di un bicchiere al giorno per le donne e due per gli uomini (cioè mezzo ed uno per pasto).

N.B. Consultare il proprio medico se il mal di testa è improvviso, grave o accompagnato da altri sintomi mai provati in precedenza.

Pubblicato il 19-03-2022 da:

simona pepe
Simona Pepe
MR Locum Pharmacist, MSc, Nutritional Therapist

Condividi sui tuoi Networks preferiti!